Bimbi disabili invisibili per l’estate 2020

Bimbi disabili invisibili per l’estate 2020

Per l’estate 2020 i bimbi disabili non saranno facilmente inseriti nei progetti di centri estivi, data la difficile applicazione in merito alle regole da mettere in atto per limitare il contagio. Altro aspetto che sottolinea come non sia stato tenuto conto di tutte le sfaccettature che si aprono nel momento in cui si parla di bambini, di famiglie, di apertura centri estivi.

Facile a dire centri estivi ma a quali condizioni?

Facile a dire centri estivi ma a quali condizioni?

FACILE DIRE CENTRI ESTIVI MA A QUALI CONDIZIONI? Nell’ultima settimana si sono dette molte cose in TV riguardo l’apertura dei centri estivi 2020 perché sono finalmente uscite le linee guida per attivare i servizi all’infanzia dai 3 ai 17 anni. Come volevasi dimostrare, la coordinazione dei centri estivi sarà a dir poco IMPOSSIBILE. Questo, non tanto per la realizzazione di una triage in accoglienza o per i rapporti numerici bimbi- educatori, la cosa che più lascia perplessi è la DISTANZA SOCIALE pari a 1 METRO da dover far rispettare a tutti, bimbi ed educatori

Bimbi dimenticati: niente spiaggia, niente mare e niente decreto bimbi

Bimbi dimenticati: niente spiaggia, niente mare e niente decreto bimbi

 È inutile “fissarsi” sull’assenza del decreto: andiamo avanti per davvero, cerchiamo altre possibili strade, partendo da ciò che stiamo vivendo e accettando la trasformazione in atto nella nostra società.  Partiamo da questo aspetto e cerchiamo di analizzarne altri, con l’aiuto di tre professioniste che ho avuto il piacere di conoscere e con cui mi sono confrontata negli anni nel mio percorso da responsabile del Centro Maya.